domenica 15 settembre 2013

Sab. 14

43.9
Beh per forza, ieri stavo male.
Non che oggi stia meglio in realtà. Sì, il mal di testa è passato (quale grazia!) ma la dissenteria avanza, e la debolezza pure. Fortuna che sono rilassata per l'uni, e questo weekend sarà di riposo...

Colazione: caffè, 1 cucchiaino di miele, 4 biscotti, una polpa di frutta.
Merenda: saltata (e fingo di aver mangiato due prugne).
Ah già, è sabato, sono tornata a casa mia.
Pranzo: pasta integrale (80g), condita con salmone (25g), passato di pomodoro, melanzane e olive.
Merenda: 1 prugna.
Sto ancora male, e la fame manca.
Cena: pesce spada (120g circa), pane integrale (50g), olio e insalata.

La mia dieta è un sacco equilibrata. Se non fosse per le quantità, e la quasi totale assenza di grassi. Palese segnale la mia massa grassa, che già a 47kg era non-misurabile dalla bilancia!
Beh, io mi limito a seguire la dieta che mi ha dato la nutrizionista la prima volta che ci sono stata, che è la dieta più standard di questo mondo (sono convinta che cercando "dieta nutrizionista" su google si trovi qualcosa di molto simile). Poi magari invece che 100g di pasta ne mangio 85, ma non faccio attività aerobica per 1h 3 volte a settimana!
Ah, la nutrizionista...è a fine giugno che la mia discesa è iniziata. Proprio grazie alla sua dieta. I 50€ più buttati via della mia vita.
Ero in erasmus e sono dimagrita. Ho perso 5kg in 5 mesi, passando dai 58 ai 53. Tante insalate, tanto sport. Un fisico asciutto e muscoloso. Bello davvero. Anche se di "come stai bene" ne ricevevo di più a 58...e sui 55-56 iniziavano già a diventare "stai bene...ma basta così però!"
Una dieta fatta male però. Qualche abbuffata notturna, conseguenti riduzioni di colazione e salto merende (cosa che faccio tuttora) e visita alla palestra. Verso la fine del soggiorno cene e merende si sono ridotte, e le abbuffate sono aumentate, così il mio peso s'è mantenuto costante.
Sapendo che non avrei potuto continuare così mi sono decisa: appena torno, nutrizionista.
Così è stato. Dieta alla mano: carboidrati a pranzo reintrodotti (O.O), olio reintrodotto, colazione ridotta.
Ok, ci provo. "È sicura che così non ingrasso?" "Dovresti essere almeno 53.5-54 per la tua altezza." "Beh, facciamo 53...".
La colazione ridotta è terribile, ora che arrivo a merenda mi sembra di svenire. Ma almeno una settimana ci provo, dovrò solo adeguarmi...
Controllo il peso tutti i giorni. Voglio vedere cosa mi combina 'sta dieta. 1° giorno, scende. 2°, ancora. E ancora e ancora. La prima settimana finisce, e io ho perso quasi 4kg.
A me 53 andava bene, ma guarda, mangio i carboidrati, e peso di meno! Chi l'ha detto che i carboidrati sono il male?! 
Sono triste per il rientro in Italia, all'estero era più facile essere accettata. Là tutti i miei amici sapevano che sono lesbica (ma anche qui potrebbero saperlo tutti, che cambia?), e soprattutto avevo le mie amiche lesbiche con cui uscire e andare per locali a ballare e parlare di cose finocchie tutte insieme (e questo qui mi manca, e fa male).
Sono agitata per gli esami. Me ne mancano 5, 2 corsi non li ho nemmeno frequentati. Voglio tenere la media alta, mi sono già rassegnata a non laurearmi con la lode, meno di 110 non lo posso accettare. E voglio laurearmi a dicembre.
Faccio un colloquio per uno stage, va bene, il giorno dopo mi dicono che mi hanno preso, e si inizia a luglio. Do un esame, va abbastanza bene pure quello. -4, la media da mantenere, tutti i giorni 8 ore e mezzo in ufficio, lo stress sale. Durante la settimana sono a Milano e non ho una bilancia. La dieta continua, quando torno a casa oscillo attorno ai 48, peso sempre più di quando sono partita, e quando riparto son tornata un po' meno, far oscillare la bilancia è il mio nuovo giochino.

Torno dalla nutrizionista, "48kg? Assolutamente no, devi aumentare." E inizia a scribacchiare cose in più da mangiare a pranzo e a cena. 4 merende, primo e secondo a pranzo e cena, un po' mi sgrida anche. A me viene quasi da sorridere. Come dire che secondo te io lo faccio davvero...
La colazione la incremento davvero, finalmente non sono più uno zombie la mattina. A pranzo aggiungo del tonno o dell'affettato o qualche sorta di proteine. A cena mangio qualche galletta in più.
Cosa fa il mio peso? Scende!
Io lo vedo scendere e mi sento realizzata: non sto digiunando, e lui cala, è meraviglioso! 
E continuo a giocare...

Stare a casa mi piace, non solo c'è la mia cucina (yay!) ma parlare con mia mamma mi fa sempre pensare.
Domani spero di trovare un po' di tempo per scrivere le considerazioni del giorno, tra una pagina e l'altra di studio...

3 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  3. Ciao! piccolo accenno per permetterti di capire meglio, quando uso il font "macchina da scrivere" mi riferisco al passato, a quello che pensavo allora, quindi sarebbe "mi sentivo realizzata".
    Tranquilla vai pure coi papiri, così mentre mi annoio in ufficio ho qualcos'altro da leggere :)

    E nei discorsi finocchi gli uomini proprio non ci sono! :P

    RispondiElimina